Italian English French German Spanish

Facebook 6insicilia   instagram 6insicilia   youtube 6insicilia   blog 6insicilia   Google plus 6insicilia

 

Pezzidiricambio24

 

pubblicità su 6insicilia.it

Isola di Panarea, la più piccola e la meno elevata delle Eolie

 

Isola di Panarea

 

 

Anticamente chiamata Euonymos (“di buon nome”, “prospera”) e anche Hycesia (“la supplice”), Panarea è un’isola dal fascino particolare, la prediletta fra "le sette sorelle". Infatti, fin dal III millennio a.C. il suo terreno fertile ha attirato numerose dominazioni. La massima altezza è il Timpone del Cervo (m. 420) e all’estremità sud dell’isola, sul promontorio di Punta Milazzese, sorge un villaggio preistorico dove sono stati rinvenuti pregevoli manufatti e ceramiche del tipo minoico-miceneo. Panarea si distingue anche per gli scogli grandi e piccoli che la circondano così da farne “un piccolo arcipelago nell’Arcipelago”. Essi sono: Basiluzzo, Spinazzola, Dattilo, Bottaio, Lisca Nera, Panarelli e Formiche. Il più grande di tutti è Basiluzzo, importante anche da un punto di vista archeologico, in cui sono state rinvenute tracce di una villa di età imperiale romana.

Basiluzzo

Escursioni via mare

Uno dei luoghi più suggestivi dell’isola di Panarea è la Baia di Cala Junco, meta di numerosi turisti attratti dalla straordinaria bellezza di questa insenatura dal mare color cobalto. Per gli appassionati di pesca subacquea, sono da non perdere i cinque Panarelli, le Formiche, lo Scoglio di “Petra Nave” (un roccione in rilievo sul fondale caratterizzato dalla presenza di molteplici organismi marini), il Relitto di Lisca Bianca (carcassa di nave inglese che giace sul fondo sabbioso a circa 12 metri).

 

Escursioni via terra

Partendo dal Villaggio di S. Pietro e procedendo verso sud, si raggiunge Drauto. Da qui, attraverso un sentiero, si giunge all’insediamento preistorico risalente all’età del bronzo. Proseguendo a destra del porto di S.Pietro, si arriva alla spiaggia di Calcara, con una splendida sorgente termale e le fumarole. Dal punto più alto dell’isola, Punta del Corvo, c’è un panorama bellissimo. E’ la parte più selvaggia da cui si ammira il versante occidentale di Panarea. In questa zona vola il corvo imperiale da cui prende il nome la punta.

Strada caratteristica di Panarea

 

Cucina tipica di Panarea

Primi piatti: “la Pasta con sugo di testa di Pesce Spada”, “la Pasta fritta alla Panarellese" (acciughe, sale, pepe e pangrattato)

Secondi piatti:“Baccalà con i capperi”, “i Trigghi o’ rosmarinu” (triglie al rosmarino) e i “Pomodori ripieni di pesce”.

Dolci tipici:“i Spicchidedda” a base di vino cotto e chiodi di garofano, la torta dei “Munnuli” a base di mandorle e i “Vastedduzzi” tipici dolcetti natalizi ripieni di mandorle, cannella, acqua di mandarino e chiodi di garofano

 Caratteristica abitazione eoliana

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.