Italian English French German Spanish

Facebook 6insicilia   instagram 6insicilia   youtube 6insicilia   blog 6insicilia   Google plus 6insicilia

 

Pezzidiricambio24

 

pubblicità su 6insicilia.it

Francesco Buzzuro e il Quinto elemento

Cover Il Quinto Elemento Francesco Buzzurro b

Francesco Buzzurro inizia a 6 anni a suonare la chitarra e diplomatosi al Conservatorio Scontrino di Trapani perfeziona la sua tecnica presso l’International Arts Academy di Roma con Stefano Palamidessi, Alberto Ponce, John Duarte, Hopkinson Smith e David Russell. Laureatosi anche in Lingue Straniere, sviluppa un’intensa attività concertistica e vince tre concorsi nazionali tra cui il “Savona in Musica”. Alla sua passione per la musica classica Francesco Buzzurro affianca una profonda attività di ricerca nell’ambito della musica jazz sviluppando ben presto una particolare maniera d’improvvisare che gli consente di entrare a far parte della Sicilia Jazz Big Band, dell’OMC e successivamente dell’Orchestra Jazz Siciliana di cui oggi è prima chitarra. Grazie all’OJS divide il palcoscenico con alcuni dei “mostri sacri” del jazz come Toots Thielemans, Diane Schurr, Arturo Sandoval, Peter Erskine, Bob Mintzer, Phil Woods, Bireli Lagréne, Francesco Cafiso ed altri ancora.

Il primo lavoro di Francesco Buzzurro, “Latinus”, rivela la sua anima etno-jazz. Il secondo album, questa volta da solista, si intitola “Freely...” e contiene arrangiamenti di standards della musica mondiale come “Summertime” e “Rapsodia in Blue”. Il disco “Naxos” pubblicato nel 2006 ripropone invece il quartetto in veste dichiaratamente latin-jazz, mentre nel suo album “L’Esploratore” (2009), il chitarrista affronta ancora da solista un repertorio etnico d’autore con musiche provenienti da diversi paesi del mondo (tra queste Libertango, Hava Nagila e Tico Tico). Tra le sue realizzazioni discografiche vanno menzionate altresì “Un mondo due chitarre” (2011), in duo con il chitarrista americano Richard Smith (già sideman di Lee Ritenour), e il cd “One man band” (2012), da solista, per la prestigiosa etichetta tedesca Acoustic Music Records di Peter Finger. Francesco Buzzurro ha collaborato, inoltre, con Renzo Arbore, Lucio Dalla, Francesco Baccini, Antonella Ruggiero, Ornella Vanoni, Fabio Concato, Luisa Corna, Grazia Di Michele, Mario Lavezzi, Giorgio Conte, Orchestra Sinfonica Siciliana (eseguendo il Concierto De Aranjuez). Laureatosi nel 2010 in Musica Jazz con 110 e lode e menzione d’onore è considerato un chitarrista di confine e fuori dagli schemi e viene regolarmente invitato dalla University of Southern California di Los Angeles a tenere dei seminari unificati per i dipartimenti di chitarra classica e jazz. Autore sia della colonna sonora di “Io Ricordo”, docu-fiction prodotta dai fratelli Muccino che delle musiche per lo spettacolo teatrale di Gianfranco Jannuzzo “Girgenti Amore Mio”, è oggi uno dei più apprezzati chitarristi italiani.

Ha suonato per l’ex Presidente francese Valéry Giscard D'Estaing alla Convention mondiale sulle energie rinnovabili insieme a Francesco Cafiso, poi alla Notte delle chitarre di Sissa (Parma) con Maurizio Solieri, Ricky Portera, Cesareo, Max Cottafavi e Alberto Radius, svolge regolarmente tournée in Italia, Grecia, Germania, Messico e negli Stati Uniti e durante una di queste, a Minneapolis, in occasione della convention mondiale dei Lions Club, è stato nominato ambasciatore di pace dal delegato Lions all’ONU.  Ha ricevuto, inoltre, un riconoscimento dal Presidente Napolitano al Quirinale per la colonna sonora del film “Io ricordo” ed ha suonato al celebre “Blue Note” di Milano in un concerto sold out. Francesco Buzzurro viene regolarmente invitato ai maggiori festival della chitarra in Italia e all’estero, tra questi ricordiamo il festival “Paganini” di Parma, il MAF (Musica a Fiorano), l’Acoustic Guitar Meeting di Sarzana, il Festival della Chitarra di Fiuggi, il Festival Jazz di Campeche (Mexico), Acoustic Franciacorta, Ferentino Acustica, Pescara International Music Festival, Festival Internazionale della Chitarra di Mottola, Brescia Chitarra, Festival Federico Cesi,  Rieti Guitar Festival, Ritmo delle Città (Milano), The Place (Roma), International Guitar Night (Los Angeles), Corfù Jazz Festival, Paros Summer Seminars, ecc… Attivo anche nel campo della didattica, il chitarrista è docente di Chitarra Jazz al Conservatorio “Bellini” di Palermo e tiene numerose masterclass presso Conservatori, prestigiose scuole di musica e Università italiane e straniere.

Francesco Buzzurro     Francesco Buzzurro

FRANCESCO BUZZURRO racconta “IL QUINTO ELEMENTO”

«Considero la musica l'arte capace di unificare i 4 elementi della natura e armonizzare noi stessi con tutto quello che ci circonda, il “quinto elemento" capace di migliorare la qualità della nostra vita, dove trovare l'energia per lasciare ai posteri un mondo migliore. Ho sempre concepito la chitarra come una piccola orchestra e quindi il mezzo migliore per tradurre musicalmente stimoli interiori ed esterni. A ogni elemento ho dedicato tre brani: uno che rappresenta la sua forza dirompente e devastante, uno che racconta lo stato di quiete dello stesso, un altro che manifesti la sua dinamica in movimento, come una sorta di imprevedibile divenire. Noi siamo un tutt'uno con ciò che ci circonda, siamo vicendevolmente legati in un eterno rapporto di dare e avere. Questo disco nasce dal profondo del mio cuore e vuole essere un invito a guardarci intorno per ritrovare una profonda intesa con la natura e godere appieno delle sue infinite meraviglie. Ecco perché nasce “Il Quinto Elemento".»

 

“IL QUINTO ELEMENTO” brano per brano

VORTICI rappresenta l'elemento primario da cui ha origine la vita: l'acqua. Nel brano si alternano momenti di agitazione, con onde sconvolgenti che tutto travolgono, e momenti di stasi, in attesa che il disastro abbia il suo definitivo compimento. Questa musica riflette la potenza dell'elemento acqua e la sua affascinante forza distruttiva, che tutto sommerge ma da cui tutto riprende miracolosamente vita.

DIETRO UN VETRO è il quadretto di una malinconica giornata invernale, con la pioggia leggera che batte stancamente dietro alla finestra... Non c'è tristezza nel dialogo tra le gocce d'acqua e la mia chitarra, e pian piano i miei pensieri sono presi per mano dal sole che si fa largo gentile, pacifico, tra nuvole che lentamente svaniscono.

RAINDANCE è come un racconto.   Narra di una tribù, volutamente non meglio identificata, che danza evocando la natura, il cielo o gli dei, affinché concedano la pioggia alla terra riarsa purificandola. Un passo dopo l'altro la danza va avanti come una preghiera in movimento e il cuore dei danzatori si apre fiducioso alla forza divina che agisce in tutte le cose. E così, tra momenti concitati e altri evocativi, ecco finalmente la pioggia che, prima con una gocciolina, poi con una seconda e poi sempre più copiosa, arriva a dissetare la terra dando così un nuovo inizio al ciclo della vita. 

FUEGO è il primo brano del ciclo del fuoco e precisamente il fuoco del mio vulcano: l'Etna. Dopo un breve prologo preparatorio “'A muntagna” riversa sul mondo la lava delle sue viscere e terrorizza gli uomini coi suoi boati tremendi, che fanno accapponare la pelle. Splendido e crudele il vulcano, quintessenza dell'elemento fuoco, mostra da sempre spavaldamente la sua forza immane e nulla al mondo può fermarlo. A noi, immobili e affascinati osservatori, rimane solo la coscienza di essere una piccolissima parte di natura nella natura.

HYPNOTIC, col suo andamento arioso e aperto, descrive un momento particolare della mia vita, mentre stavo semplicemente osservando la fiamma della brace di un caminetto. Davanti al fuoco sono rimasto come ipnotizzato, col cervello come assente, spento, svuotato dei pensieri. Ho percepito una sorta di dolce rilassamento ed è così che il brano è nato e si è sviluppato in modo profondo, intenso e a tratti anche quasi impalpabile.

LA PIRAMIDE DEL SOLE vuole raccontare lo stretto rapporto tra i popoli centro-latino-americani e il sole ritenuto un Dio e un padre. Nella storia le piramidi sono state costruite per varie ragioni, ma certamente per creare un filo diretto tra gli uomini e gli dei. Lo studio della loro architettura e delle tecniche di costruzione impiegate nel corso dei secoli ha rivelato agli archeologi indubbie testimonianze di una ritualità fortemente carica di magia. Questo brano è nato tra i ricordi di un mio indimenticabile viaggio in Messico con la visita alla Piramide del Sole di Teotihuacan.

LA DANZA DELLE OMBRE apre il ciclo dell'aria e dipinge musicalmente un assolato pomeriggio estivo di qualche tempo fa. Mi trovavo ad osservare il mare con la chitarra in mano ed ecco ad un tratto levarsi un frizzante vento di scirocco. Improvvisamente la mia attenzione si sposta sul particolare movimento creato dall'ombra di alcuni rami di un albero, proiettata sul piazzale davanti alla casa. Osservando con curiosità intravedo, non senza stupore, i contorni di due danzatori che ritmicamente mi suggeriscono la melodia che di lì a poco sarebbe scaturita. Come nasca la musica rimane per me ancora un mistero meraviglioso e insondabile.

IL RESPIRO DELLA LUNA nasce di fronte al mare, ispirato da una leggera brezza notturna sotto uno straordinario cielo trapuntato di stelle e con una luna bianchissima, così vicina da dare l'impressione di poterla toccare. Questo è uno di quei brani che solo un grande amore può generare, e ho la netta sensazione che andrebbe ascoltato ad occhi chiusi.

PAROS chiude il ciclo dedicato all'elemento aria, ma è anche un luogo magico, un'isola dell'Egeo abbracciata dal mare e accarezzata da un intenso e morbido maestrale. Un sirtaki nato quasi per caso la sera del mio arrivo sull'isola, quando affacciandomi dalla veranda della mia camera ho sentito l'irresistibile impulso di prendere la chitarra e andarmi a sedere sul prato, traducendo in musica il suono del vento.

COLMAR apre le porte al ciclo della terra e canta la libertà. Ho scritto questo brano proprio nell'omonima cittadina francese prima di un concerto, affascinato dalla libertà dei popoli nomadi del mondo. Rom, gitani, uomini con storie talvolta difficili, in perenne viaggio ma sempre orgogliosamente liberi. La musica per loro è la prima compagna dei momenti importanti ed è gioia e tristezza insieme, ma soprattutto rimane un'insostituibile fonte di aggregazione sociale.

HEART OF THE EMIGRANTS, cuore degli emigranti, è un brano che mi strappa il cuore dal petto ogni volta che lo suono. È nato una mattina di primavera mentre, viaggiando in macchina, osservavo i campi e le colline generose del centro della Sicilia. Quante braccia hanno lavorato la terra della mia isola - mi sono detto-  e con quale strazio hanno dovuto lasciarla negli anni dell'emigrazione. Queste mie note raccontano il dolore del distacco dalla propria terra e la malinconia della coscienza di tornarvi sapendo di doversene separare ancora e ancora, fino alla fine.

HOMELAND chiude il ciclo della terra ed è dedicata a tutti quegli uomini che ancora credono nell'attaccamento alla propria nazione. È scritta per ricordare, in primis a me stesso, di non perdere mai di vista la consapevolezza di appartenere a un luogo che non è solo geografico, ma che definisce soprattutto una zona ideale in cui confluiscono tutti gli aspetti della propria identità. Sono invero quei tratti che inequivocabilmente ci rappresentano nel mondo e che ancora possono farci sentire fieri di essere italiani.

Date Concerti ad oggi confermate:

il 22 novembre al Teatro Metropolitan di Catania, il 23 novembre al Teatro Golden di Palermo, il 6 dicembre a Monterotondo (Roma), il 21 dicembre a Bochum(Germania).

Per seguire Francesco Buzzurro:

Sito Ufficialewww.francescobuzzurro.it

Pagina Facebookwww.facebook.com/francescobuzzurro.it

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.