Italian English French German Spanish

Facebook 6insicilia   instagram 6insicilia   youtube 6insicilia   blog 6insicilia   Google plus 6insicilia

 

Pezzidiricambio24

 

pubblicità su 6insicilia.it

Katia Greco... mi lego a tutti i personaggi che interpreto

1 katia greco

Katia Greco, giovane attrice siciliana, nota a molti come Mery la fidanzata del giovane Montalbano, vanta già un curriculum di tutto rispetto con partecipazioni a Fiction (Distretto di Polizia 9, Ris 4, Il Capo dei Capi, ...), Cinema (Back to Rome, Bolgia totale, The Elevator), Teatro (Ti sposo ma non troppo, …) , varie pubblicità e videoclip.

Katia Greco

 Intervista a Katia Greco:

  •  Quanto è difficile per una ragazza del sud  intraprendere la carriera d’attrice?

Credo che, a prescindere dalla provenienza regionale, sia difficile comunque intraprendere la carriera d'attrice. E' un percorso molto lungo e arduo che prevede molti sacrifici e tante rinunce. C'è tanta concorrenza ed è difficile emergere. Forse noi attori del sud abbiamo la marcia in più di essere abbastanza tenaci e determinati e spesso riusciamo a ottenere quello che vogliamo.

  •  Tu sei laureata in biologia… cosa ti ha spinto ad intraprendere una strada così diversa?

E’ successo casualmente. Al quarto anno di liceo scientifico mi sono iscritta ad un laboratorio di cinema extrascolastico, alla fine del quale ho interpretato la protagonista nel cortometraggio realizzato come saggio finale. Una volta diplomata, non avendo le idee molto chiare, mi sono iscritta alla facoltà di Scienze Biologiche. Nel frattempo ho frequentato dei laboratori teatrali e, man mano che passava il tempo, mi rendevo conto che il desiderio di fare l’attrice come professione mi invadeva sempre più fino al punto da farmi trasferire a Roma e intraprendere questa carriera. Ho deciso comunque di finire gli studi universitari perché ritenevo giusto concludere questo percorso.

  •  Cosa ami di più del tuo lavoro di attrice e cosa meno?

Del mio lavoro amo la possibilità di potermi calare in personaggi diversi e vivere delle vite differenti seppure sul set o su un palcoscenico, ma è un qualcosa che mi entusiasma moltissimo e che mi aiuta a conoscere meglio me stessa. In più amo il fatto di dover spesso viaggiare e la possibilità di poter lavorare ogni volta con delle persone diverse, per cui ogni set diventa come una piccola grande famiglia ed è proprio una bella sensazione.

  •  Ti ha cambiato la notorietà nella vita di tutti i giorni?

Qualche volta capita di essere fermata per strada o riconosciuta da qualcuno in palestra o al supermercato ma, per il resto, al momento non ho una notorietà tale che non mi permetta di uscire di casa e devo dire che mi sta bene così.

  •  C’è un’attrice italiana o straniera alla quale ti ispiri o che comunque per te rappresenta un modello da seguire?

Ci sono tante attrici che ammiro ma, in modo particolare, mi piace Winona Ryder. La trovo estremamente vera e piena di sfumature nelle sue interpretazioni e mi affascina la sua eleganza e semplicità.

  •  Diversi attori sostengono che il teatro sia una forma d’arte più emozionante rispetto al cinema per lo stretto contatto con il pubblico. Cosa ne pensi al riguardo?

Personalmente davanti alla macchina da presa mi trovo più a mio agio, anche perché ho avuto un numero maggiore di esperienze di set, però quelle poche volte che ho calcato il palcoscenico, in effetti, ho sentito l’energia diretta del pubblico... è qualcosa di inspiegabile e magico.  Amo sia il set che il palcoscenico e non riesco a farne a meno perché entrambi mi restituiscono un'emozione diversa ma ugualmente intensa e coinvolgente.

  •  Sei attualmente impegnata in qualche set … e quali sono i progetti futuri?

Ho girato due film per il cinema che usciranno prossimamente. The Elevator, thriller in lingua inglese, con Burt Young, Caroline Goodall and James Parks e Bolgia Totale, un noir in cui interpreto la figlia di Giorgio Colangeli. Per il resto sto facendo vari provini e sono in attesa di risposte.

  •  Sei legata particolarmente a qualche personaggio che hai interpretato e perché ?

In realtà mi lego a tutti i personaggi che interpreto, diventano parte di me ma, se devo scegliere, sono legata in modo particolare a Hyam, personaggio molto intenso e complesso, che ho interpretato in uno spettacolo teatrale con Ettore Bassi e Luigi Iacuzio. Era la mia prima esperienza sul palconscenico ed ero terrorizzata ma, la regista Camilla Cuparo ha creduto in me e insieme abbiamo fatto un bel lavoro.

Katia Greco

Photoghapher: Paolo Stucchi

Per seguire Katia Greco:

Sito Ufficiale: www.katiagreco.com

Agenzy: www.studiosegre.com

Pagina Facebook: Katia Greco Actress

 

 

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.