Italian English French German Spanish

Facebook 6insicilia   instagram 6insicilia   youtube 6insicilia   blog 6insicilia   Google plus 6insicilia

 

Pezzidiricambio24

 

pubblicità su 6insicilia.it

Giuseppe Castiglia...ero un bimbo particolarmente sveglio

 

Giuseppe Castiglia è un comico, un barzellettiere, un cabarettista siciliano che negli anni ha accompagnato le nostre giornate con programmi televisivi e radiofonici. Ricordiamo alcuni successi come "La sai l'ultima" programma condotto da Pippo Franco su canale 5,  "Stasera si ride" programma condotto da lui stesso su Telecolor, tantissime ospitate televisive ad "Insieme" lo storico programma siciliano condotto da Salvo La Rosa ed ora ci tiene compagnia con la trasmissione radiofonica Allakatalla in onda su Radio Fantastica tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 14 e in replica dalle 20.

Giuseppe Castiglia racconta un po' di sé in una intervista per gli amici di 6insicilia.it 

1) Come è nata la passione per lo “spettacolo”?

La passione credo sia congenita, sono cose che si hanno dentro, non si comprano ne si imparano, semplicemente un giorno vengono fuori per un motivo scatenante, ci vuole sempre un "detonatore" che inneschi la carica perché avvenga l'esplosione. Nel mio caso credo sia successo in età veramente tenera, ero un bimbo particolarmente sveglio e bello (ma tutti i bimbi in realtà lo sono), mi mettevano spesso al centro dell'attenzione e a me piaceva procurare piacere ai miei parenti, che di fatto sono stati il mio primo "pubblico" .

2) I tuoi genitori che futuro sognavano per te?

I miei genitori non avevano pensato a un futuro ben preciso per me, sono persone semplici, speravano solo che andassi a scuola e poi mi trovassi un lavoro, mi facessi una famiglia etc...Come era infondo successo a loro. Sono stati però determinanti e condizionanti nella scelta dell'indirizzo scolastico, che non era per nulla quello che avevo nel cuore io, ma è chiaro che lo fecero in buona fede, nella speranza di assicurarmi un titolo di studio che potesse consentirmi di trovare un lavoro presto. Per la cronaca, io avrei scelto il Liceo Artistico loro scelsero il De Felice.

 

3) Un tuo vizio e una tua virtù?

Vizi tanti, forse tutti, il peggiore quello del fumo (mannaggia), a livello caratteriale direi che lavoro troppo e mi prendo poco tempo per riposarmi. Lo considerò un vizio ma anche una virtù.

4) Qual'è il complimento più bello che hai ricevuto?

Quando fai un lavoro che fa stare bene gli altri è facile ricevere tanti complimenti, è vero anche che bisogna pure meritarseli. A me servono moltissimo per capire se sto lavorando bene e se la gente gradisce ciò che faccio, sono una specie di "monitor" della situazione. Alcuni sono molto belli e commoventi, perché magari nascondono dietro motivazioni ben più profonde del semplice complimento, somigliano più a un "grazie". Il più belli però non riguardano il mio lavoro, ma le mie 3 figlie, mi inorgoglisce quando le persone si complimentano con me per quanto siano intelligenti ed educate, e belle. Belle ovviamente per merito delle rispettive Mamme.

5) Hai un sogno nel cassetto?

Quando ero ragazzino ho dovuto abituarmi a non avere sogni ma speranze, le cose in casa non andavano benissimo, mio Padre aveva avuto problemi con il lavoro e per il tipo di carattere che ho io, pragmatico, sognare era meno concreto di sperare. Oggi continuo a pensare ed agire in questo modo, infatti dico sempre: "Tutti sognano di andare sulla Luna, ma solo chi ha uno Shuttle in garage può sperare di arrivarci davvero".

6) Cosa ami della Sicilia?

Elencare i soliti noti (mare, sole, etc...) sarebbe banale. Mi piace la commistione, la diversità di ogni siciliano, mi affascina il fatto che siamo davvero eterogenei, fisicamente, mentalmente, linguisticamente. Siamo un insieme di tante personalità diverse. E' facile imputare questo al fatto che siamo stati teatro delle più disparate dominazioni, è sicuramente vero, ma anche la terra fa la sua parte. La sua conformazione geologica è un miscuglio di elementi, c'è la pietra scura delle zone vulcaniche, le arenarie gialle, le arenarie rosse, la pietra bianca della fascia iblea, i marmi di Taormina. Le spiagge di sabbia, ciottoli, scogliere laviche e non. Da questo scaturisce la meravigliosa completezza della vegetazione che quest'isola può vantare, con il pino e la palma che convivono grazie anche ad una condizione climatica magicamente ideale per entrambi.

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.